Livia Caffagni


Nata a Bologna nel 1963, Livia Caffagni è cresciuta in un ambiente ricco di stimoli culturali e artistici: di questo, e non solo, deve ringraziare i genitori Paola e Mirco.
Nel 1985 si diploma in flauto dolce col massimo dei voti sotto la guida del M° Giorgio Pacchioni.

Studia inoltre viola da gamba con Carol Lewis, Nanneke Shaap e Paolo Pandolfo, e canto gregoriano col padre benedettino Luigi Agustoni e con Nino Albarosa.

Completati gli studi classici, inizia l’attività concertistica nel 1981, collaborando con varie formazioni nell’ambito della musica antica e fondando, negli anni, il gruppo da camera La Capriola, l'orchestra Concerto Barocco e il trio Ribes Nigrum. Attualmente lavora in duo per il repertorio seicentesco con l’arpista Chiara Granata e per il repertorio settecentesco col clavicembalista Riccardo Castagnetti.

Attiva dal 1986 nel campo della didattica musicale, è attualmente titolare della cattedra di flauto dolce presso il Conservatorio di Trento.

Nell’86 inizia la collaborazione stabile con l’ensemble di musica medievale laReverdie: a tutt’oggi l’avventura musicale più stimolante, formativa e creativa che potesse immaginare.
Negli anni '87 e '88, su incarico del Ministero degli Esteri, ha lavorato come ricercatrice presso l'Istituto di Musicologia dell'Università di Berna (CH). Nel 1989 si è laureata con lode in Lingue e letterature straniere moderne presso l'Università di Bologna; la tesi (interdisciplinare in paleografia musicale) viene integralmente pubblicata l'anno seguente su "Studi Gregoriani" (Roma, Torre d'Orfeo).

Nel 2008 consegue cum laude il diploma di specializzazione di II livello in Musica Rinascimentale presso il Conservatorio di Lecce, sotto la guida del Mº Diego Fratelli, discutendo la tesi “Musica nell’esperienza spirituale di Santa Caterina da Bologna (1413-1463)”. Da quest’ultima sono tratti 2 articoli per la rivista Vox Antiqua (International Journal of Gregorian Chant, Early Music, Sacred Music & Liturgical History).

last updated: 20.11.2014